Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Stato civile

 

Stato civile

 STATO CIVILE

L’Ufficio di Stato Civile di un’Ambasciata o di un Consolato si occupa, come un Comune italiano, delle iscrizioni, annotazioni e tenuta dei Registri di Stato Civile.
I Registri di Stato Civile sono quattro: cittadinanza, nascita, matrimonio e morte. Per ognuna di queste materie, l’Ufficio ha anche la competenza a rilasciare certificati dei documenti depositati agli atti dello stesso che attestino appunto lo "stato civile" di ciascun individuo. In particolare, gli uffici consolari ricevono gli atti emessi dalle Autorità straniere e li trasmettono ai comuni italiani per la trascrizione. Il settore di Stato Civile degli uffici consolari, oltre alla gestione dei quatto registri di Stato Civile, assiste i cittadini residenti nella circoscrizione nell'espletamento delle seguenti pratiche:

  • Redazione del verbale di pubblicazioni di matrimonio e affissione all’albo consolare;
    Clicca qui per leggere le pubblicazioni di matrimonio in questa Ambasciata
  • Celebrazione del matrimonio consolare, sempre che non vi si oppongano le leggi locali;
  • Trasmissione delle istanze per il cambiamento del nome o del cognome, perché ridicolo o vergognoso, alle prefetture competenti;
  • Ricezione e trasmissione delle sentenze di separazione e di divorzio ai Comuni competenti per la trascrizione.

REQUISITI NECESSARI per avere diritto a registrare gli atti di Stato Civile e/o a ottenere i relativi certificati negli Uffici di Stato Civile:

Il cittadino italiano che ha fissato la sua residenza all'estero, per potere registrare nascite, matrimoni e/o decessi (ed ottenere i relativi certificati), deve prima iscriversi all'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero (A.I.R.E.).

I cittadini italiani sono tenuti a dichiarare tutte le variazioni di stato civile (producendo i relativi atti o altra documentazione) che si verificano durante la loro permanenza all'estero all'Ufficio consolare competente per il luogo in cui si è verificato l'evento.

 

PROCEDURA E DOCUMENTI NECESSARI AI CITTADINI ITALIANI PER CONTRARRE MATRIMONIO IN REPUBBLICA MOLDOVA

I^ fase della procedura

IL CITTADINO/A ITALIANO/A, dovrà richiedere in Italia i seguenti certificati, da presentare all’Ufficio di stato civile moldavo:

1. Estratto per riassunto dell’atto di nascita, rilasciato su formulario internazionale dal Comune di nascita in Italia, o, per i cittadini nati all’estero, dal Comune in cui l’atto di nascita straniero è stato trascritto;

2. Certificato di cittadinanza;

3. Certificato di residenza;

4. Certificato di Stato Libero;

I certificati di cui ai punti 2; 3; 4, possono essere sostituiti da un UNICO certificato, il “CERTIFICATO CUMULATIVO” (cittadinanza, residenza e stato libero).
Il Certificato Cumulativo, così come i certificati di cui ai punti 2; 3 ;4, andranno richiesti al Comune di residenza in Italia, tradotti in lingua rumena e, successivamente, “apostillati” dalla Prefettura della provincia di residenza del cittadino/a italiano/a.
La traduzione in rumeno potrà essere eseguita anche in Moldova, presso uno dei traduttori ufficiali presenti sul territorio.

5. Copia del passaporto di entrambi i nubendi, regolarmente firmata dagli interessati;

6. Nulla Osta al matrimonio, che dovrà essere richiesto dal CITTADINO/A ITALIANO/A, una volta in possesso della documentazione suddetta, presentandosi all’Ufficio di stato civile di questa Ambasciata, per la compilazione del Modulo di richiesta di Nulla Osta, e presentando la ricevuta del pagamento di 6 Euro (Sei EURO), da effettuare presso una delle filiali di EXIMBANK., sul conto corrente dell’Ambasciata.

Il CITTADINO/A ITALIANO/A, ottenuta la documentazione sopra specificata, potrà così recarsi all’Ufficio di stato civile del Comune di residenza del/la cittadino/a moldavo/a e contrarre matrimonio.


Il CITTADINO/A ITALIANO/A, in alternativa alla documentazione sopra elencata, potrà presentare il CERTIFICATO DI CAPACITA’ MATRIMONIALE rilasciato su formulario internazionale dal Comune di residenza in Italia, che non necessita di traduzione né di legalizzazione con “apostille” e può essere presentato direttamente alle autorità moldave.

II^ fase della procedura

Dopo il matrimonio, uno dei coniugi provvederà a fare richiesta, all’Ufficio di stato civile moldavo dove è stato contratto il matrimonio, di rilascio dell’atto di matrimonio su modello internazionale, che potrà essere presentato agli sportelli di questa Ambasciata, che provvederà all’invio dell’atto al Comune di residenza italiano, per la trascrizione del matrimonio.
In alternativa, gli interessati possono presentare direttamente l’atto di matrimonio su modello internazionale, all’Ufficio di stato civile del Comune di residenza del cittadino/a italiano/a.



Per ulteriori informazioni, posono essere consultate anche le apposite sezioni:


59