Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

COVID-19: Informazioni importanti riguardanti l’ingresso nella Repubblica di Moldova

***Aggiornamento del 24.03.2022***

AVVISO IMPORTANTE

Con la Decisione n. 5 del 14.03.2022, la Commissione nazionale per la salute pubblica ha prorogato lo stato di emergenza di salute pubblica sino al 15 aprile 2022. Fino a tale data, l’ingresso nella Repubblica di Moldova, a seguito di quanto stabilito dalla Commissione, non prevede più restrizioni epidemiologiche all’ingresso. Per approfondimenti si rinvia alla Decisione, consultabile all’indirizzo https://gov.md/sites/default/files/document/attachments/hotararea_nr._5_cnesp_din_14.03.2022.docx_1.pdf 

 

***Aggiornamento del 14.01.2022***

La Repubblica di Moldova proroga, con la Decisione della Commissione Nazionale Straordinaria per la salute pubblica n. 1 del 13.01.2022, lo stato di emergenza sanitaria fino al 15 marzo 2022.

La stessa Decisione abolisce a partire dal 17 gennaio 2022 la lista dei Paesi ad alto rischio.

Pertanto chiunque, indipendentemente dal Paese di provenienza, per entrare in Moldova dovrà esibire uno dei seguenti documenti:

  • Un certificato di vaccinazione contro il SARS-Cov-2. La prova di vaccinazione è valida solo se trascorsi minimo 14 giorni dal completamento del ciclo di vaccinazione ed è redatto in una delle seguenti 6 lingue: relativa certificazione in una delle lingue italiano, romeno, inglese, francese, tedesco o russo.
  • Certificato del tampone molecolare (PCR) COVID-19 negativo, effettuato non oltre le 72 ore precedenti, oppure del tampone antigenico COVID-19 effettuato non oltre le 48 precedenti. Tali certificati dovranno essere esibiti in una delle lingue: romeno, italiano, inglese, francese, tedesco o russo.
  • Certificato medico che confermi la guarigione dal COVID19, avvenuta nel periodo compreso tra il 15-mo e il 180-mo giorno alla data dell’ingresso oppure, in alternativa, è in possesso di un certificato che attesti la presenza di anticorpi. Anche questo certificato va esibito in una delle lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo.

In assenza di uno dei certificati di cui sopra, è obbligatorio compilare la scheda epidemiologica elettronica disponibile al link https://fisa-covid.gov.md e osservare un periodo di 14 gg di quarantena.

Il testo completo della decisione è disponibile QUI.

***Aggiornamento del 12.10.2021***

L’ingresso nella Repubblica di Moldova è consentito senza restrizioni a chi:

a) è in possesso del certificato di vaccinazione, a condizione che la vaccinazione sia completa e che siano trascorsi, alla data dell’ingresso, almeno 14 giorni dal completamento del ciclo vaccinale. Il certificato di vaccinazione dovrà essere redatto in una delle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo;

b) presenta un certificato che attesta l’esito negativo del test RT-PCR Covid-19 effettuato entro 72 ore alla data dell’ingresso o dell’imbarco se si viaggia in aereo, oppure di un test antigenico rapido effettuato entro 48 ore alla data dell’ingresso o dell’imbarco se si viaggia in aereo. Il certificato del test dovrà essere redatto in una delle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo;

c) è in possesso di un certificato medico che confermi la guarigione dal COVID19, avvenuta nel periodo compreso tra il 15-mo e il 180-mo giorno alla data dell’ingresso (redatto nelle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo) oppure, in alternativa, è in possesso di un certificato che attesti la presenza di anticorpi, redatto nelle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo. Il certificato è valido per 90 gg dal momento del prelievo.

2. Le persone che non soddisfano i requisiti di cui al p. a) dovranno sottoporsi ad un periodo di autoisolamento di 14 giorni e saranno tenuti a compilare la scheda epidemiologica online 72 h prima dell’ingresso nella Repubblica di Moldova, accedendo la pagina https://fisa-covid.gov.md/.

Entro il 15 novembre 2021 le persone in ingresso nella Repubblica di Moldova che, per ragioni oggettive non hanno la possibilità di compilare la scheda epidemiologica online, saranno tenuti a compilare il modulo cartaceo, oltre che firmare la autodichiarazione di osservare la quarantena di 14 giorni. La Polizia moldava di Frontiera provvederà all’inserimento manuale dei dati.

Per i minori di età inferiore ai 14 anni, che per ragioni oggettive non hanno la possibilità di compilare la scheda epidemiologica online, il modulo cartaceo e l’autodichiarazione saranno compilati e firmati dal legale rappresentante o dall’accompagnatore.

Il periodo di autoisolamento può essere interrotto al 7-mo giorno se si effettua un test RT-PCR Covid-19 oppure un test antigenico rapido, entrambi negativi.

***Aggiornamento del 14.08.2021***

Con la Decisione nr. 59 del 13 agosto 2021, la Commissione Nazionale Straordinaria per la Salute Pubblica ha emanato la nuova normativa per l’ingresso in Repubblica di Moldova a partire dal 16 agosto.

Le seguenti misure sono stabilite per prevenire e controllare l’infezione da COVID-19 all’ingresso nella Repubblica di Moldova:

1. L’ingresso nella Repubblica di Moldova è permesso senza alcune restrizioni per chi:

– è in possesso di un certificato di avvenuta vaccinazione, a condizione che la vaccinazione sia completa e che siano trascorsi, alla data dell’ingresso, almeno 14 giorni dal completamento del ciclo vaccinale. Il certificato di vaccinazione dovrà essere redatto in una delle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo;

– è un minore al di sotto dei 12 anni;

– presenta un test RT-PCR Covid-19 negativo effettuato entro 72 ore alla data dell’ingresso o dell’imbarco se si viaggia via aereo, oppure di un test antigenico rapido effettuato entro 48 ore alla data dell’ingresso o dell’imbarco se si viaggia via aereo. Il certificato del
test dovrà essere redatto in una delle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo;

– è in possesso di un certificato medico che confermi la guarigione dal COVID19, avvenuta nel periodo compreso tra il 15-mo e il 180-mo giorno alla data dell’ingresso, redatto nelle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo;è in possesso di un
certificato che attesti la presenza di anticorpi, redatto nelle seguenti lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo. Il certificato è valido per 90 gg dal momento del prelievo.

2. Le persone che non presentano le condizioni previste al punto 1 dovranno compilare una scheda epidemiologica e osservare un periodo di autoisolamento di 14 giorni. L’autoisolamento può essere interrotto il 7-mo giorno se si effettua un test RT-PCR Covid-19 oppure un test antigenico rapido, entrambi negativi.

***aggiornamento del 1.05.2021:

Si comunica che con la Disposizione n. 6 del 22 aprile 2021 della Commissione per Situazioni Eccezionali della Repubblica di Moldova è stato abrogato, a decorrere dal 26.04.2021, il regime di coprifuoco dalle ore 23.00 fino alle 5.00, imposto con la Disposizione n. 1 del 1 aprile 2021 nelle città di Chisinau e Balti.

E’ stata disposta la ripresa, a partire dal 2 maggio 2021, delle attività culturali, teatrali e dei concerti all’aperto con osservazione delle misure di prevenzione e contrasto dell’infezione da Covid-19.

E’ stata decisa, altresì, la ripresa, a partire dal 2 maggio 2021, delle attività culturali e teatrali all’interno dei teatri e delle sale da concerto con la presenza del pubblico, a condizione che non superi il 30% della capienza della sala / teatro e nel pieno rispetto delle misure di prevenzione e contrasto della pandemia da Covid-19.

Con la Decisione n. 15 del 28 aprile 2021 della Corte Costituzionale è stata dichiarata la non costituzionalità della Dichiarazione dello Stato di Emergenza.

Pertanto, ai sensi dell’ultimo Decreto n. 54 del 29 aprile 2021 della Commissione Nazionale Straordinaria per la Salute Pubblica, si istituisce lo stato di emergenza sanitaria nelle località che registrano più di 100 contagi per ogni 100 mila abitanti.

Rimane in vigore l’obbligo, a livello nazionale, di indossare la mascherina sia negli spazi aperti, che chiusi, incluso nei mezzi pubblici di trasporto così come il rispetto di una distanza fisica di minimo 1 metro.

Per quanto riguarda l’ingresso nella Repubblica di Moldova sono state disposte le seguenti norme, valide a partire dal 30.4.2021:

1. Chiunque, indipendentemente dallo Stato di provenienza, per entrare in Moldova dovrà esibire un test PCR COVID-19 negativo, effettuato entro le 72 ore precedenti all’imbarco (per chi viaggia con i mezzi comuni) o all’ingresso nel territorio nazionale (per chi viaggia con i mezzi propri). Il relativo certificato potrà essere esibito anche in lingua italiana, oltre al romeno, inglese, francese, tedesco e russo.

2. In assenza del test PCR COVID-19 negativo è obbligatorio compilare la scheda epidemiologica e osservare un periodo di 14 gg di isolamento fiduciario. Per minori sotto 14 anni d’età la scheda epidemiologica dovrà essere compilata dall’accompagnatore o dal legale rappresentante.

3. Fanno eccezione a tali obblighi alcune categorie di persone, a condizione dell’assenza di sintomi clinici di infezione respiratoria o di febbre:

a) bambini al di sotto dei 5 anni;

b) autisti di veicoli commerciali e di trasporto passeggeri con oltre 9 posti a sedere, gli equipaggi ed il personale di servizio dei treni, aerei;

c) persone in viaggio per trattamenti sanitari o umanitari, incluso i loro accompagnatori (con documentazione giustificativa);

d) studenti in viaggio per e dalla Repubblica di Moldova, che devono sostenere esami, partecipare a gare e concorsi internazionali ecc;

e) persone che viaggiano per motivi professionali, in possesso di visto di lavoro, permesso di soggiorno o un altro documento che contiene l’invito e/o il contratto stipulato con un’azienda residente sul territorio moldavo;

f) persone che hanno viaggiato all’estero per motivi professionali, in base ad un invito o a un contratto di collaborazione con un’azienda straniera;

g) i lavoratori transfrontalieri;

h) titolari di passaporti diplomatici, di servizio, ufficiali e speciali, nonché titolari di titoli di viaggio del tipo Laissez-Passer, rilasciati dall’ONU, incluso i familiari del personale delle missioni diplomatiche e consolari e delle organizzazioni internazionali accreditate nella Repubblica di Moldova, persone coinvolte nelle missioni umanitarie;

i) sportivi che devono partecipare a gare sportive internazionali e allenamenti, nonché i membri delle delegazioni sportive e i loro accompagnatori (genitori o rappresentanti legali dei minori);

j) persone in transito;

k) persone citate in giudizio nei tribunali della Repubblica di Moldova, nonché i loro rappresentanti legali, in base alle citazioni in giudizio e altri documenti comprovanti;

l) persone che abbiamo fatto la vaccinazione per COVID-19 e sono in possesso della relativa certificazione redatta in una delle lingue: romeno, inglese, italiano, francese, tedesco o russo.

Le persone in autoisolamento fiduciario possono interrompere tale regime se si sottopongono ad un test PCR COVID-19 con esito negativo.

Il testo completo della Decisione n. 54 del 29.04.2021 è disponibile qui: in lingua romena e in lingua inglese.

***aggiornamento del 02.04.2021:

 Il 31 marzo 2021 il Parlamento moldavo ha dichiarato lo stato di emergenza nazionale, che rimarrà in vigore fino al 30 maggio 2021. Tale decisione estende i poteri di intervento del Governo nella gestione dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19.

A seguito della dichiarazione dello stato di emergenza la Commissione per Situazioni Eccezionali, con Decisione assunta ieri 1 aprile 2021, ha disposto ulteriori misure di contrasto alla pandemia, oltre a confermare quelle vigenti.

Tra le nuove misure figurano:

– il coprifuoco nelle città di Chisinau e Balti dalle 23.00 alle 5.00, con l’eccezione degli spostamenti per comprovate esigenze non differibili (ad es. spostamenti per motivi di lavoro, rientro al proprio domicilio dal lavoro, rientro al domicilio per chi atterra con un volo in tarda ora, assistenza medica, assistenza ad anziani e bambini, acquisto medicinali)

– il divieto di passeggiare nei parchi, viali, boschi, terreni sportivi e parco giochi;

– regime speciale di lavoro (tutti i servizi pubblici verranno erogati solo previo appuntamento).

Durante lo stato di emergenza sanitaria, chiunque, indipendentemente dallo Stato di provenienza, per entrare in Moldova dovrà esibire un test PCR COVID-19 negativo, effettuato non oltre le precedenti 72 ore, con relativo certificato in una delle seguenti lingue: romeno, inglese, francese o russo.
In assenza di un test PCR COVID-19 negativo è obbligatorio rispettare un periodo di 14 gg di isolamento fiduciario. Fanno eccezione a tali obblighi alcune categorie di persone, tra cui si segnala: bambini al di sotto dei 5 anni; autisti di veicoli commerciali e di trasporto; passeggeri in transito; studenti; persone in viaggio per trattamenti sanitari o umanitari, lavoratori transfrontalieri, membri delle missioni diplomatiche, consolari e delle organizzazioni internazionali accreditate nella Repubblica di Moldova, persone coinvolte in missioni umanitarie, persone che abbiano fatto la vaccinazione per COVID-19 e sono in possesso della relativa certificazione redatta o tradotta in una delle lingue: romeno, inglese, francese o russo.

Il testo completo è disponibile al seguente link: Decisione 1 del 1.4.2021 della Commissione per Situazioni Eccezionali.

***aggiornamento del 23.03.2021:

La Repubblica di Moldova proroga, con la Decisione della Commissione Nazionale Straordinaria per la salute pubblica n. 51 del 19.03.2021, lo stato di emergenza sanitaria fino al 18 aprile 2021. Vengono confermate le vigenti regole per l’ingresso in territorio moldavo. 

Si ricorda che a partire dal 5 marzo 2021 viene abolita, con la Decisione n. 48 del 04.03.2021, la lista dei Paesi ad alto rischio. Chiunque, indipendentemente dal Paese di provenienza, per entrare in Moldova dovrà sottoporsi a un periodo di autoisolamento di 14 giorni, ad eccezione di coloro che presentino in ingresso un test PCR COVID-19 negativo, effettuato non oltre le 72 ore precedenti, o che abbiano effettuato una vaccinazione per il COVID-19 e sono in possesso di relativa certificazione.

Non è prevista alcuna restrizione all’ingresso per alcune categorie, tra queste:
– bambini al di sotto dei 5 anni;
– autisti di veicoli commerciali e di trasporto;
– passeggeri in transito;
– studenti;
– persone in viaggio per trattamenti sanitari.

***Nuovo regime a partire dal 05.03.2021 per i cittadini stranieri:

Con la decisione nr. 47 del 26 febbraio 2021, la Commissione Straordinaria per la Salute Pubblica ha stabilito tra le altre misure che a partire dal 5 marzo 2021 sarà obbligatorio esibire all’ingresso in territorio moldavo un test PCR Covid19 negativo, effettuato non oltre le 72 ore precedenti.

Fanno eccezione:
– i bambini fino a 5 anni;
– autisti per carico merci e passeggeri;
– personale di servizio su treni, aerei e navi;
– membri delle delegazioni;
– lavoratori transfrontalieri;
– passeggeri in transito;
– chi ha ricevuto il vaccino.

Dal 1 settembre 2020 il Ministero della Salute, Lavoro e Protezione sociale ha previsto un regime diverso per i cittadini stranieri e per gli apolidi a seconda che provengano da Paesi a limitato (zona verde) o elevato (zona rossa) rischio epidemiologico.

L’elenco dei Paesi della zona rossa, per i quali sono previste restrizioni, viene aggiornato ogni 14 giorni ed è pubblicato sul sito del Ministero della Salute. La lista valida dal 1 al 14 marzo 2021 è disponibile QUI

 

A) Coloro che provengono da Paesi della zona verde potranno entrare nella Repubblica di Moldova senza compilare alcuna dichiarazione epidemiologica e senza sottoporsi ai 14 giorni di auto-isolamento, a condizione che non vi siano stati transiti attraverso Paesi della zona rossa.

B) Ai cittadini stranieri e gli apolidi che provengano invece da Paesi nella zona rossa non sarà permesso l’ingresso nella Repubblica di Moldova, con le seguenti eccezioni:

  • membri di famiglia di cittadini moldavi;
  • stranieri con visto di lunga durata, permesso di soggiorno o documento equivalente;
  • persone che si spostano per motivi professionali, come dimostrato da visti, permessi di soggiorno o documenti equivalenti;
  • studenti stranieri che si recano in Moldova perché iscritti o ai fini dell’ammissione in istituti di istruzione moldavi;
  • familiari di cittadini stranieri che hanno il permesso di soggiorno nella Repubblica di Moldova;
  • cittadini stranieri che operano quali quadri didattici nella Repubblica di Moldova;
  • rappresentanti di missioni diplomatiche accreditate nella Repubblica di Moldova e loro familiari, personale impiegato in ambito umanitario;
  • passeggeri in transito, inclusi i rimpatriati a seguito della concessione della protezione consolare;
  • persone che viaggiano per motivi di salute e umanitari, compreso l’eventuale accompagnatore, a seconda dei casi (con l’esibizione dei documenti giustificativi);
  • lavoratori transfrontalieri;
  • conducenti auto e personale di servizio dei mezzi di trasporto che effettuano trasporto merci, gli equipaggi delle aeronavi / navi e dei treni.

Coloro che entrano nel Paese dovranno compilare una scheda epidemiologica e sottoporsi a 14 giorni di autoisolamento. Il regime di autoisolamento non è previsto per le seguenti categorie, a condizione che non vi siano sintomi clinici di infezione respiratoria, febbre o altri sintomi collegabili al Covid-19:

  • conducenti auto e personale di servizio dei mezzi di trasporto impiegati nel trasporto merci, membri degli equipaggi delle aeronavi/navi e treni;
  • persone che viaggiano per motivi di salute o in ambito umanitario, compreso l’eventuale accompagnatore, a seconda dei casi (con esibizione di documenti giustificativi);
  • studenti che si recano in Moldova perché immatricolati o ai fini dell’ammissione in istituti di istruzione moldavi o esteri;
  • persone che si spostano per motivi professionali, come dimostrato da visti, permessi di soggiorno e altri documenti giustificativi;
  • persone che al rientro nella Repubblica di Moldova dimostrino di essersi recate all’estero per motivi professionali in rappresentanza di una persona giuridica residente in Moldova o di istituzioni pubbliche moldavelavoratori transfrontalieri;
  • rappresentanti delle missioni diplomatiche e degli uffici consolari accreditati nella Repubblica di Moldova, delle organizzazioni/missioni internazionali, compresi i familiari degli stessi, personale impiegato in ambito umanitario;
  • passeggeri in transito.

La Decisione n. 26 del 21.08.2020 può essere consultata QUI

In base alla Decisione n. 33, in vista delle elezioni presidenziali del 1 e 15 novembre viene introdotta inoltre la possibilità di ingresso senza auto-isolamento anche da Paesi nella zona rossa per:

– Osservatori internazionali, rappresentanti di organizzazioni internazionali, governi di Stati stranieri, organizzazioni non governative straniere e esperti in ambito elettorale, purché accreditati presso la Commissione Centrale elettorale;

– Giornalisti stranieri, accreditati quali corrispondenti permanenti nella Repubblica di Moldova attraverso il Ministero degli Affari Esteri

*** Aggiornamento del 24.07.2020: proroga dello stato di emergenza nell’ambito della salute pubblica

Con la Decisione n. 21 del 24.07.2020 la Commissione Nazionale Straordinaria per la Salute Pubblica ha disposto la proroga dello stato di emergenza nell’ambito della salute pubblica fino al 31 agosto 2020.

Restano quindi prorogate tutte le restrizioni di cui alle precedenti Decisioni n. 10 del 15.05.2020 e n. 20 del 10.07.2020, incluso il divieto d’ingresso nella Repubblica di Moldova per i cittadini stranieri, con le seguenti eccezioni:

  • membri di famiglia di cittadini moldavi;
  • stranieri con visto di lunga durata, permesso di soggiorno o documento equivalente;
  • persone che si spostano per motivi professionali, come dimostrato da visti, permessi di soggiorno o documenti equivalenti;
  • rappresentanti di missioni diplomatiche accreditate nella Repubblica di Moldova e loro familiari, personale impiegato in ambito umanitario;
  • passeggeri in transito, inclusi i rimpatriati a seguito della concessione della protezione consolare;
  • persone che viaggiano per motivi di salute e umanitari, compreso l’eventuale accompagnatore, a seconda dei casi (con l’esibizione dei documenti giustificativi);
  • lavoratori transfrontalieri;
  • conducenti auto e personale di servizio dei mezzi di trasporto che effettuano trasporto merci, gli equipaggi delle aeronavi / navi e dei treni.
  • Coloro che entrano nel Paese dovranno compilare una scheda epidemiologica e sottoporsi a 14 giorni di autoisolamento.

Il regime di autoisolamento non è previsto per le seguenti categorie, a condizione che non vi siano sintomi clinici di infezione respiratoria, febbre o altri sintomi collegabili al Covid-19:

  • conducenti auto e personale di servizio dei mezzi di trasporto impiegati nel trasporto merci, membri degli equipaggi delle aeronavi/navi e treni;
  • persone che viaggiano per motivi di salute o in ambito umanitario, compreso l’eventuale accompagnatore, a seconda dei casi (con esibizione di documenti giustificativi);
  • studenti, immatricolati negli istituti di istruzione stranieri, che devono superare test o esami finali di conclusione dei cicli di istruzione secondaria di primo grado, secondaria di secondo grado, universitaria;
  • persone che si spostano per motivi professionali, come dimostrato da visti, permessi di soggiorno e altri documenti equivalenti;
  • lavoratori transfrontalieri;
  • rappresentanti delle missioni diplomatiche e degli uffici consolari accreditati nella Repubblica di Moldova, delle organizzazioni/missioni internazionali, compresi i familiari degli stessi, personale impiegato in ambito umanitario;
  • rappresentanti di missioni diplomatiche accreditate nella Repubblica di Moldova e loro familiari, personale impiegato in ambito umanitario;
  • passeggeri in transito.

La traduzione non ufficiale della Decisione è disponibile QUI.